Come promuovere un libro appena pubblicato?

Rieccomi con un nuovo articolo in Pillole di scrittura, la mia categoria preferita perché è proprio da questa che nasce l’idea del blog.

Oggi risponderò a una domanda che alcuni autori esordienti, nei mesi scorsi, mi hanno fatto: “Come faccio a promuovere il mio libro che ho appena pubblicato?

Così ho deciso di scrivere questo articolo per condividere con voi degli spunti che ho dato ad altri (e anche per approfondire le mie conoscenze qualora vogliate darmi dei suggerimenti in più nei commenti).

Bisogna sapere che questo argomento non è banale come può sembrare. La vita di un aspirante scrittore si può dire che cambi da un momento all’altro, dopo aver pubblicato la sua opera: se prima rimaneva rinchiuso nella sua nicchia, da solo con il suo manoscritto, adesso deve uscire allo scoperto per farsi conoscere, quindi è normale sentirsi spaesati inizialmente.

Prima di darvi qualsiasi consiglio su come muovervi sul piano promozionale, vi dico una cosa che, secondo me, uno scrittore esordiente non dovrebbe mai dimenticare e che dovrebbe essere alla base di ogni nostra azione. Se siete davvero soddisfatti del vostro lavoro, credeteci senza perdere la fiducia in voi stessi. Se volete che la vostra opera venga letta, non vergognatevi di diffondere ciò che avete scritto, ma non cadete nell’egocentrismo, perché otterrete l’effetto opposto. A mio parere non c’è cosa peggiore di un autore esordiente che è convinto di aver scritto l’opera del secolo.

Magari il vostro romanzo è anche molto valido, ma se c’è la consapevolezza che si può sempre migliorare, fidatevi che i libri che scriverete in futuro saranno decisamente migliori dei precedenti.

30-sconto_32374306_n

Adesso veniamo agli spunti su come muovere i primi passi nella promozione, tenendo a mente di quanto ho appena scritto.

  1. Fai girare la voce. La prima cosa da fare è la più banale, ma anche la più efficace per dare una scossa iniziale: far girare voce. Fate sapere ad amici e parenti la bella notizia, ma se ti capita di prendere il discorso, anche a conoscenti. Che ne sai, magari alla cassiera del supermercato in cui vai spesso piace leggere oppure conosce persone a cui consigliare il tuo libro. Accennarlo non fa male, poi se li vedi interessati, potrai dare più informazioni sulla trama e su come acquistare il volume. Se non li vedi particolarmente coinvolti, non te la prendere: a non tutti piace leggere, inoltre non è detto che anche questa gente non sparga la notizia in giro.
  2. Stampa dei volantini. Vai dal tipografo e ti fai stampare un po’ di volantini. Magari inserisci l’immagine della copertina del tuo libro, con due frasi che descrivono la trama, i tuoi contatti e i canali di vendita in cui è più reperibile. I costi non sono troppo elevati – in genere ogni tipografo stampa un minimo necessario a un determinato prezzo – e ne vale sicuramente la pena. Dopo che hai in mano il tuo bel mazzetto di volantini, distribuiscili nei negozi, nei bar, insomma, in qualsiasi luogo tu possa metterne. Magari chiedi prima il permesso al gestore del locale se puoi lasciarli o appenderli.books-1015594_960_720
  3. Organizza una presentazione. Il prossimo passo è quello di organizzare una presentazione! Dove? Puoi farla in una libreria, parlando con i responsabili, in biblioteca, oppure affittando una sala per gli eventi. Magari puoi usare i volantini di cui parlavamo prima per promuovere proprio questo evento; spargi la voce; pubblica sui social (magari sulla tua pagina Facebook, se ne hai una ben aggiornata). Alla presentazione parlerai della trama, delle tematiche, dello stile, dei motivi che ti hanno spinto a scriverlo. Spiega l’essenziale in non più di mezz’ora (qualsiasi discorso interessante annoierebbe dopo un po’). Leggi qualche breve estratto o fallo leggere a qualcuno che sappia assumere l’intonazione giusta. Alla fine lascia un po’ di tempo alle domande del pubblico, nel caso ti fosse sfuggito qualcosa. Non dimenticare le copie da vendere dopo la presentazione. Fai un calcolo approssimativo di quanta gente potrebbe esserci e portane un po’ di più: è meglio avere dei libri da smaltire in futuro, piuttosto che lasciare un potenziale lettore a bocca asciutta.
  4. Partecipa a fiere ed eventi. Chi ha detto che gli autori possono promuoversi alle fiere solo con un editore alle spalle? Certo, avere una casa editrice che organizza tutto per te e, soprattutto, ti evita le spese, fa molto comodo, ma questo non vuol dire che tu debba rinunciare ad avere il tuo stand agli eventi. Dato che il costo di uno spazio, logicamente, aumenta in proporzione alla grandezza della fiera (e queste ultime molto difficilmente accettano autori singoli e autoprodotti), ti consiglio di cominciare con quelle più piccole. Nella tua città, o nelle vicinanze, sicuramente organizzeranno delle fiere del libro o del fumetto. Per i comics è più facile partecipare se hai scritto un libro fantasy o fantascientifico. Contatta gli organizzatori che spesso hanno una pagina Facebook o un sito web in cui puoi trovare un indirizzo e-mailfacebook_logo_thumbs_up_like_transparent_svg-svg
  5. Tieni i tuoi lettori aggiornati. Specialmente se, dopo il libro che hai pubblicato, ne scriverai altri, è bene interagire con i lettori e tenerli aggiornati sugli avanzamenti della tua scrittura. Come? Io, personalmente, sto trovando molto utile la mia pagina Facebook che cerco di mantenere sempre attiva pubblicando novità, estratti, eventi, pensieri, ecc. Ultimamente ho scoperto anche l’utilità di Youtube, dove carico brevi video in cui parlo di approfondimenti e curiosità sul mio libro. Trovo che anche Instagram sia un mezzo valido: non ci vuole la psicologia per capire che le persone sono attirate dalle immagini.
Articolo creato 29

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto