fare lo scrittore

Fare lo Scrittore in 5 passi: i vari aspetti di questo mestiere

Alzi la mano chi pensa che fare lo scrittore sia un lavoro vero e proprio (no, perché alcuni non l’hanno ancora capito). Quello dello scrittore è un mestiere bellissimo e difficile allo stesso tempo, che richiede tempo e dedizione, come la maggior parte dei lavori d’altronde. Ma davvero pensi che la scrittura implichi solo “scrivere”?

No, esatto.

Chi vuole fare lo scrittore deve sapere che questo mestiere ha vari aspetti che formano, man mano, il ciclo di vita del libro che intende dare alla luce. In parole povere, lo scrittore non si limita alla scrittura: quella è solo una fase.

Adesso, andiamo a vedere insieme quali sono gli aspetti, in ordine cronologico, del mestiere dello scrittore.

Fase 1: La Progettazione

Se ti stai appena approcciando alla scrittura, devi sapere che la progettazione è la fase in cui costruisci lo scheletro del tuo libro. Che cosa vuol dire? Innanzitutto che ti dovresti informare sulle caratteristiche del genere di libro che andrai a scrivere, a prescindere che si tratti di narrativa, di un manuale o di un saggio.

Progettare vuol dire pianificare la scaletta della trama, i personaggi, l’ambientazione.

Questo passo non è da prendere sottogamba perché ti permetterà di non cadere in incongruenze o in buchi di trama, quando andrai a scrivere.

Non ti saprei dire esattamente quanto tempo richieda la progettazione: dipende anche da quante ricerche devi fare e da quanto è intricata la tua trama.

Potrà sembrarti una fase noiosa, giustamente non aspetti altro che scrivere il tuo libro che hai in mente da tempo. Ma fidati, se vuoi un’opera ben riuscita devi passare da questa fase preliminare, e poi non è detto che debba per forza essere noiosa. Spesso è facendo ricerca che ti vengono in mente le idee migliori!

Scopri come ho progettato “La Guardiana dei Draghi”

Fase 2: La Stesura

Finalmente è arrivato il momento che aspettavi da tanto: Scrivere!

Questa è una delle fasi più divertenti, perché è quella in cui il tuo libro prende vita.

A questo punto non devo nemmeno consigliarti che cosa fare. Scrivi, e lascia che il tuo stile di scrittura prenda forma. Non sentirti in colpa se ogni tanto ti blocchi, se non riesci a scrivere tutti i giorni o se non ottieni subito il risultato che speravi.

La prima bozza che stendi è solo la punta dell’iceberg di quello che sarà il tuo dattiloscritto.

Anche perché successivamente ci sarà la…

Fase 3: La Revisione

Hai messo la parola “fine” al tuo libro, ma questo non vuol dire che sia la versione definitiva di ciò che andrai a pubblicare. Ahimè, no.

Adesso devi rileggerlo per correggere gli errori, sistemare le frasi che non ti suonano bene e controllare che non ci siano incongruenze.

Dopo che ha finito di scrivere il libro, non revisionarlo subito. Mettilo da parte per un po’, qualche giorno, due settimane, un mese, decidi tu, basta che ti prenda un po’ di tempo riemergere un attimo dalla fase di stesura per poi correggere il libro a mente lucida.

Correggilo finché vuoi, ma attento a non cadere in ciò che io chiamo “il loop della revisione”, perché tanti scrittori non si sentono mai soddisfatti di quello che hanno scritto e rimangono bloccati a questo step.

Il mio parere è che non c’è mai niente di perfetto, tutto è sempre migliorabile, anche perché noi stessi miglioriamo nel tempo. Ma ad un certo punto, bisogna porre fine alla revisione e cominciare a dedicarsi alla…

Fase 4: La Pubblicazione

Occhio, qui probabilmente entriamo nella parte più frustrante di fare lo scrittore. A prescindere che tu lo voglia pubblicare in self (autopubblicazione) o con un editore, questa fase non è una passeggiata e potranno esserci momenti di sconforto, in cui vorrai abbandonare tutto.

Nel caso dell’autopubblicazione, dovrai fare editare il libro da un professionista e se vorrai una copertina accattivante dovrai rivolgerti a un grafico.

Nel secondo caso, invece, quasi sicuramente il tuo libro non sarà in linea con quello che cercano gli editori, quindi verrà scartato. La maggior parte delle volte non ti viene nemmeno comunicato il “no”, perché spesso le redazioni sono sommerse dalle proposte e non hanno tempo di rispondere a tutti. Quindi mesi e mesi di silenzio equivalgono a una risposta negativa.

Non ti sto dicendo queste cose per scoraggiarti, anzi. Te le dico perché è più brutto quando cadi dal pero e ti rendi conto che il passaggio dalla stesura alla pubblicazione non è così immediata.

Io volevo a tutti i costi pubblicare con un editore e sono arrivata a un certo punto in cui non cercavo nemmeno più, avevo gettato la spugna. Finché poi un giorno ti rendi conto che rinunciare ai tuoi sogni non ti porta a niente, così ci riprovi e alla fine va bene.

Fase 5: Il Contatto Col Pubblico

E poi arriva il momento della pubblicazione e non importa se sei diventato famoso o meno, perché la tua cerchia di lettori la hai, ed è la cosa più importante.

Capisci che il tuo libro ha preso vita quando cominci ad ascoltare i pareri del pubblico, positivi e non. Stringere un rapporto con i lettori è importante, quindi ti consiglio di essere attivo sui social, di organizzare eventi e se puoi di partecipare alle fiere.

Questa è, secondo me, la fase più bella insieme a quella della stesura. Sarà un caso che sia l’ultima? Forse perché le cose più belle si raggiungono alla fine, quando tutti gli sforzi vengono ripagati?

Dopo aver attraversato tutte queste fasi, sono riuscita a realizzare il mio sogno nel cassetto e a pubblicare “La Guardiana dei Draghi”, un fantasy di formazione e di crescita personale. Per scoprire di più sul libro, clicca qui.

Articolo creato 39

Lascia un commento

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto